eSports Italia

Gsimo90 (Benevento eSports): “Chi temo di più? Nessuno”

La redazione di eSportsItalia.com ha intervistato Simone Gaeta in arte Gsimo90 che insieme al suo compagno di squadra Mattia “Teclis-88” Pallotta è protagonista di una stagione di altissimo livello nella BeSports, il primo campionato professionistico di eSports calcio in Italia.

Superato il giro di boa il Benevento eSports è al comando della classifica. Ti aspettavi questo risultato?

In parte sì, gioco con la squadra più forte della serie B, con la quale ho sempre giocato i tornei draft e di conseguenza fare bene era quasi d’obbligo.

Quali sono i punti di forza della tua squadra?

I punti forti della squadra sono soprattutto le abilità individuali dei singoli. Hanno una buona tecnica, fanno passaggi buoni anche di prima, in difesa è come avere un muro e in attacco c’e il bomber “A. Coda”. La squadra è quindi abbastanza equilibrata in tutto, perfino nei cambi.

Quali sono stati gli avversari più duri da affrontare e chi temi di più per la vittoria della BeSports?

Sinora sono state tutte partite combattute fino alla fine, indipendentemente dal risultato. Credo che qualsiasi player che partecipa a questa competizione sia all’altezza per poter vincere il campionato BeSports. Chi temo di più? Nessuno.

Il primo posto del Benevento eSports è anche merito del tuo compagno di squadra… Che ne pensi di Teclis-88?

Con teclis-88 ci conosciamo da tempo, ci siamo pure scontrati dal vivo al torneo intesa San Paolo e-football cup a Milano nel games week Milan del 2017, eravamo tra i 6 italiani qualificati. Lui è un player abbastanza conosciuto nel mondo di PES, ha vinto tantissimi tornei ed è uno tra i più forti in Italia ed è anche ovviamente grazie a lui che siamo in testa al campionato.

Anche chi è primo in classifica deve sempre mettersi in discussione. Cosa non ha funzionato al meglio in queste prime giornate?

C’è molto da migliorare… ho perso tanti punti, rimonte subite al 90′, cosa che non dovrebbe mai succedere; la partita deve essere sempre controllata e la concentrazione deve essere sempre al 100%, soprattutto ora che il Benevento è la squadra che tutti cercheranno di fermare.

Come sei arrivato ad indossare la maglia del Benevento?

Devo dire grazie a Rudy Salerno “rudy92sale, attuale player della Cremonese, che mi ha proposto alla Pyramidea Gaming attuale società che collabora con il Benevento eSports. Sono stati loro che mi hanno visto giocare e mi hanno preso come attuale player A.

Raccontaci qualcosa di te al di fuori del mondo eSports… Cosa fai nella vita e quali sono i tuoi obiettivi?

Sono nato a Lentini, un paese in provincia di Siracusa, ho 28 anni e ho un bellissimo figlio di 6 anni che già mi tiene testa a PES. Lavoro per una delegazione Aci del paese dove faccio consulente automobilistico che mi impegna tantissimo tempo, ma trovo sempre una spazio per potermi allenare a PES. Per quanto riguarda i miei obiettivi, spero di ottenere ancora delle vittorie importanti e di vincere il primo campionato eSports di serie B, la BeSports.

Terminato questo periodo, pensi che l’Italia sia matura per organizzare grandi manifestazioni e tornei legati agli eSports?

L’Italia sarà abbastanza matura da comprendere il mondo degli eSports quando la stragrande maggioranza vedrà il videogame e il settore per la sua interezza, con le sue figure professionali  e non più come il semplice giochetto per passar tempo tra amici. Bisogna capire che il mondo sta cambiando… al giorno d’oggi e proprio in questo momento di Smartworking, dalla cameretta di casa si può arrivare a guadagnare molti soldi. E secondo me l’Italia è sulla strada giusta.

Avatar

Giulio Giorgetti

Esperto di Gaming, eSports e new media.

Add comment

Newsletter

Ricevi la Newsletter periodica inserendo la tua e-mail e facendo clic su Iscriviti. Se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del giorno utilizzare il box "Articoli via email".

Corsi ESA

error: Content is protected !!