eSports Italia

Damelli (Spezia eSports): “Difendere questa maglia è un sogno”

Ciao Christian, ti diamo il benvenuto su eSportsItalia.com. Prima di arrivare all’attualità sportiva e agonistica ci piacerebbe che ti presentassi ai nostri lettori. Un tuo ritratto, diciamo così personale: passioni, semplici hobby, aspirazioni, il tuo percorso di formazione, lavoro. Scegli tu da dove partire, hai carta bianca…

Come prima cosa volevo farvi i complimenti, date spazio ad un mondo (quello degli eSports e di PES) che piano piano si sta espandendo e conquistando importanza ad alti livelli, anche e soprattutto grazie a giornalisti come voi. Seguo il vostro portale e mi piace molto il vostro modo di lavorare.
Tornando a me, mi chiamo Christian Damelli, in arte KRIS_DAM_DAMELLI, ho 33 anni e sono della Spezia. Amo il calcio, reale e non. Sono diplomato come perito Chimico, ma poi ho trovato la mia strada in altre attività. Ho una società di Marketing e web, ed in estate, assieme ad altre persone gestiamo molte case vacanza a livello turistico nella mia bellissima zona (Cinque Terre, Portovenere e Lerici). Come Hobby/lavoro faccio il DJ (KRIS DAM) in varie discoteche nella mia zona e nella famosa Versilia. Ho lavorato ad Ibiza, suonando e vivendo là per un periodo.

Bene, passiamo al campionato BeSports dove sei fra i protagonisti in campo. Spezzino, sei stato chiamato a difendere i colori di un club con più di cento anni di storia: lo Spezia Calcio versione eSports. Dev’essere stato il coronamento di un sogno da tifoso delle Aquile quale sei. Raccontaci.

Beh sì, sono stato chiamato a difendere i colori della squadra della mia città, ha un sapore particolare, ma da anche delle pressioni in più. Voglio fare bene sia per tutti i tifosi dello Spezia, sia anche per me stesso. Per dimostrare di essere uno dei migliori player. Difendere i colori dello Spezia è un sogno e cercherò di fare il meglio delle mie possibilità. Spero che queste competizioni facciamo salire il livello del movimento e renderlo più importante in ambito nazionale. Questo sarebbe il coronamento più grande.

Da quanti anni giochi a PES? Quali tornei hai affrontato prima di approdare al campionato BeSports? Il tuo curriculum sportivo ci interessa molto.

Gioco a PES dalla prima edizione (ISS PRO International Superstar Soccer Pro) nella PS1, ma a livello agonistico, da PES5 (lontano 2005). Ottenendo ottimi risultati ai primi tornei, sono entrato in un mondo offline e online, molto bello, competitivo e di aggregazione. Da li ho iniziato a partecipare a tornei in tutta Italia e farmi tanti nuovi amici. Ho scoperto un movimento che già ai tempi era ben organizzato, genuino e amichevole. Ho vinto molti tornei in tutta Italia, partecipato a varie finale PES League, vinto 2 EPS Pro Series organizzate da ESL con il prestigioso Clan degli Inferno eSports, capitanati da Andersofabio, un maestro.

Nella prima giornata contro il Cittadella avete vinto 2-1 all’andata e perso al ritorno con lo stesso risultato. Cosa ha funzionato e cosa no dal tuo punto di vista?

La prima partita si è conclusa con una sconfitta. Purtroppo un errore grossolano del mio portiere e qualche occasione sfortunata sotto porta hanno condizionato il risultato. A questi livelli, episodi di questo tipo condizionano molto il risultato di una partita singola. Il secondo match poteva finire con un risultato più largo, ma va bene così. Si cerca sempre di migliorare in vista delle prossime sfide. Comunque reputo il risultato un ottimo inizio, contro un player di alto livello.

Quali saranno le protagoniste del torneo, che ricordiamo si chiuderà il 24 maggio esclusi i playoff, e quali sono i tuoi obiettivi e quelli dello Spezia Calcio eSports?

Beh col fatto delle valutazioni non livellate, alcune squadre sono più forti di altre, il Benevento e l’Empoli su tutte, ma credo che sarà davvero un campionato molto equilibrato. Spero che i protagonisti saremmo anche e soprattutto noi! il mio compagno di team Carlo di Rienzo (Super_ILO) è un player di grande livello. Ci stiamo allenando molto insieme per cercare il miglior feeling con la nostra squadra. Il nostro obiettivo ovviamente è quello di arrivare ai playoff e poi giocarci tutto nella fase finale. Noi cercheremo di fare il meglio delle nostre possibilità e chissà.. magari dare una gioia a tutti i tifosi dello Spezia!

Ti va di descriverci il tuo stile di gioco? Attacco, difesa… Su cosa punti per portare il risultato a casa?

Io a questo PES cerco di giocare molto centralmente, con uno due rapidi ed inserimenti. In difesa si cerca di essere i più compatti possibile, cercando di chiudere gli spazi alle manovre degli avversari con centrocampisti rocciosi. PES2020 è anche molto tattico e bisogna sfruttare ogni occasione che ci capita per cercare di portare a casa il risultato.

A proposito, c’è un giocatore cui ti ispiri? Uno che ammiri in modo particolare e che non vedi l’ora di battere?

Sinceramente no, non essendo giovanissimo, non conosco molto i nuovi player, conosco più quelli della vecchia guardia, i vari Legend Kerobba TigerMask, Demasan e Simo10, player fenomenali, che oramai hanno appeso i “joypad al chiodo”.

Ti facciamo una richiesta, a uso e consumo di tutti coloro che si stanno avvicinando agli eSports. Un pro player di razza come te, sui campi virtuali ne avrà viste di cotte e di crude. Che ne dici di lanciarci un paio di suggerimenti. Ci basterebbe anche un piccolo trucchetto. Noi stessi, nel nostro piccolo, vorremmo superare il compagno di console…

Beh il mio consiglio è quello di cercare di avere sempre una difesa bassa e compatta, giocare sempre facile, senza azzardare fino alla trequarti e poi dare estro alla fantasia. Bisogna cercare sempre la giocata che il tuo avversario non si aspetta.

Avatar

Giulio Giorgetti

Esperto di Gaming, eSports e new media.

Add comment

Newsletter

Ricevi la Newsletter periodica inserendo la tua e-mail e facendo clic su Iscriviti. Se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del giorno utilizzare il box "Articoli via email".

Corsi ESA

error: Content is protected !!